Breaking News
CASA » VIAGGI » UN CAVALLINO RAMPANTE, NELL’ARIA E SULL’ASFALTO – Enzo Ferrari e Francesco Baracca, nelle mani della Vittoria Alata.

UN CAVALLINO RAMPANTE, NELL’ARIA E SULL’ASFALTO – Enzo Ferrari e Francesco Baracca, nelle mani della Vittoria Alata.

Quando l’emblema è propensione a vincere.

Il suo monumento più importante è la Rocca Estense (castello del 1200). Appena fuori, trovi il Paviglione (quadriportico dove sorgeva un loggiato). Camminando verso est, trovi un monumento a Francesco Baracca. Potrai visitare anche il suo museo, con una sezione dedicata al Cavallino Rampante (poi usato da ENZO FERRARI). Il tuo carrello dei ricordi romagnoli https://www.stradadellaromagna.it/prodotti-tipici/, può essere riempito con cose speciali: dalla piadina ai salumi, dai passatelli alla pasta tirata al matterello, fino  al sale dolce di Cervia.

Cosa c’entra ENZO FERRARI con questa città? Questa è una lunga storia. A Lugo di Romagna, il complesso decorativo della cappella per la sua tomba esprime l’originalità creativa di un suo conterraneo. Nella cupola della Cappella funebre, puoi osservare un cielo punteggiato di stelle, insieme alla figura della Vittoria alata, recante in mano il cuore fiammeggiante di un aviatore morto quasi alla fine della prima guerra mondiale. Francesco Baracca, l’eroe del “Cavallino Rampante“, l’emblema personale per rivendicare le personali origini militari e l’amore per i cavalli.

Nel 1917, sul lato destro della fusoliera del suo velivolo, il cavallino rampante era dipinto in nero, per farlo spiccare rispetto al colore della fusoliera dell’aereo. Quando nel 1923, il pilota d’auto da corsa ENZO FERRARI incontra a Lugo di Romagna i genitori di Francesco http://www.museobaracca.it/Il-Cavallino-Rampante, venne da loro invitato a dipingere sulle sue auto sportive lo stemma del loro figlio. Il cavallino rimase nero, ma lui aggiunse il fondo giallo canarino della sua città natale, Modena.

Mostra anche alcune delle più belle auto mai costruite. Sormontato da un suggestivo tetto giallo ispirato al cofano dell’automobile, il museo non solo racconta la storia del padre fondatore di una macchina di marca. Il Museo Enzo Ferrari https://musei.ferrari.com/en/modena offre un’esperienza coinvolgente che ti riporta alle origini del marchio più famoso del mondo. Su alcuni dei circuiti più famosi del mondo, ma mentre sei a Modena, hai un simulatore semi-professionale per permetterti di provare l’euforia di guidare una monoposto Ferrari Formula 1.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di apprezzare le loro opere. Per approfondire questo tema, puoi digitare: https://musei.ferrari.com/en/modena/driving-simulation

Controllate anche

VIAGGIARE DOVE DISSERO NOI, IL POPOLO – Filadelfia, come una pizza arrotolata, tra nativi Delaware, Campana della libertà e statue equestri

Le prime parole di una nazione, pronunciate qui Dovendo dormire a Filadelfia, un grazioso bed …