Breaking News
CASA » FOTOGRAFIE » PRESERVARE IL PATRIMONIO CULTURALE DI JAVA, ATTRAVERSO LA FOTOGRAFIA – Kassian Cephas: il primo fotografo professionista indigeno indonesiano

PRESERVARE IL PATRIMONIO CULTURALE DI JAVA, ATTRAVERSO LA FOTOGRAFIA – Kassian Cephas: il primo fotografo professionista indigeno indonesiano

Fotografia ritrattistica e monumenti antichi

Per quanto riguarda l’Indonesia, alcune agenzie di viaggio propongono pacchetti avventura monumentale, tra riti e natura. Al tuo arrivo, troverai i suoi ricchi contrasti che non aspettano altro che essere scoperti. Tra le sue isole la spettacolari, Sulawesi, Bali e Java. Con 13.000 isole, potresti partire alla ricerca del mondo di Kassian Cephas, il primo fotografo indigeno indonesiano che ci ha trasmesso il ricordo dei templi di Borobudur https://whc.unesco.org/en/list/592/ e delle danze giavanesi. Formatosi su richiesta di un sultano, fu il primo indigeno indonesiano a diventare un fotografo professionista. Kassian Cephas https://monovisions.com/kassian-cephas-biography-19th-century-javanese-photographer/ nacque in Yogyakarta in un giorno di gennaio del 1845, diventando nel 1871 fotografo giavanese della corte di un sultanato. Ha iniziato a lavorare alla fotografia di ritratto per i membri di quella famiglia reale, realizzando documentari per l’Unione archeologica olandese. Il suo lavoro è apparso per la prima volta per un pubblico più vasto nel 1888, includendo 16 stampe dell’arte delle danze giavanesi indù.

Grazie all’appartenenza al Royal Netherlands Institute of Southeast Asian, è stato riconosciuto per il suo contributo alla conservazione del patrimonio culturale di Java. Comprò una nuova macchina fotografica nel 1886, che gli permise di catturare immagini in 1/400 di secondo, con soggetti fotografati più rapidamente. Gli fu attribuito il merito di aver fotografato il complesso del tempio di Borobudur dopo che la sua base nascosta fu scoperta nel 1885. Kassian Cephas https://artsandculture.google.com/entity/kassian-cephas/m0c01k6j ha cresciuto quattro figli e il figlio maggiore ha continuato l’attività di fotografia di famiglia, fino alla sua morte. A Yogyakarta, Kassian Cephas https://artsandculture.google.com/entity/kassian-cephas/m0c01k6j iniziò la sua formazione sotto un fotografo di corte del locale sultanato, dove divenne il pittore e fotografo di corte. Il suo studio era situato al secondo piano dell’edificio nella zona di Lodji Ketjil Wetan (ora Major Suryotomo Street). Oltre alla fotografia di ritratto, ha anche prodotto molte opere su edifici e monumenti antichi. Gli fu assegnato il compito di fotografare il tempio di Prambanan e la pubblicazione finale includeva 62 collotipi raffiguranti il sito e i templi circostanti. L’attività fotografica della famiglia terminò quando morì il figlio maggiore di Cephas nel 1918. Furono tutti sepolti a Yogyakarta, tra il mercato di Beringharjo e l’area di Lodji Ketjil.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Se vuoi conoscere i racconti fotografici già pubblicati, puoi digitare https://meetingbenches.net/category/fotografie/.

Controllate anche

UN PICCOLO LABORATORIO, LA NASCITA DI UN MITO – Fratelli Alinari Firenze: un’azienda fotografica che esegue ancora tecniche di stampa ottocentesche

La più antica azienda al mondo operante nel campo della fotografia Grazie al suo patrimonio …