Breaking News
CASA » BOUTIQUE DI VIAGGIO » VESTITI DESTRUTTURATI, AI CONFINI CON L’ASSURDO – Rei Kawakubo, la grande dama dell’avant-garde giapponese

VESTITI DESTRUTTURATI, AI CONFINI CON L’ASSURDO – Rei Kawakubo, la grande dama dell’avant-garde giapponese

Fare cose mai fatte, ma con un’immagine forte

Ogni sua collezione sembra assurda, ma guardarla mettersi alla prova è fonte d’ispirazione per tutti. Abiti tridimensionali ed esagerati, anti convenzionalmente realizzati anche con materiali sovrapposti.  Aveva studiato arte e letteratura, era diventata pubblicitaria e infine stilista. Nata a Tokyo dentro un giorno d’ottobre del 1942, Rei Kawakubo https://www.businessoffashion.com/community/people/rei-kawakubo ha portato i suoi vestiti austeri e destrutturati a Parigi, diventandovi icona dell’anti moda.

La sua moda non entra nella vita di tutti i giorni, essendo più consona a un’opera d’arte dentro un museo.  Dopo aver studiato letteratura, nel 1969 Rei Kawakubo https://www.dezeen.com/tag/rei-kawakubo/ fonda la casa di moda Comme des Garçons, nel 1973 apre la prima boutique a Tokyo e dal 1982 le sue collezioni Comme des Garçons sfilano a Parigi.

Inizialmente, si era concentrata sul bianco e nero, scoprendo poi gradualmente altri colori. Fra i suoi primi collaboratori, ha avuto chi sarebbe diventato un affermato stilista. Rei Kawakubo https://www.instagram.com/kawakubosan/ ha disegnato alcune linee uomo, donna e bambino ed un profumo unisex per la H&M. Negli ultimi anni è passata ad abiti avvolgenti, lunghi e stretti tubi quasi scomodi, senza maniche. Nel 2017 il Metropolitan Museum di New York le ha dedicato una mostra, raccogliendovi i suoi capi più iconici.

Il suo stile è fortemente asimmetrico, ma in grado di affascinarti con la sua strana rigorosità. Al suo debutto parigino, i giornalisti definirono la collezione di Rei Kawakubo https://www.dezeen.com/2019/05/09/rei-kawakubo-comme-des-garcons-interview/ come “Hiroshima chic”. La sua Comme des Garçons, realizzò abiti dal taglio asimmetrico, in nero, grigio o bianco. Ad Aoyama, la stilista è anche attiva nel Design d’interni, con un’apposita boutique da lei realizzata. Dagli anni novanta, pubblica, due volte all’anno, una consistente in fotografie, la Six.

La proprietà delle immagini che appaiono in questo blog corrisponde ai loro autori. Se vuoi conoscere altre persone creative che hanno contribuito ad arricchire la scena internazionale della moda, puoi scrivere https://meetingbenches.net/category/boutique_di_viaggio/. L’unico scopo di questo sito è diffondere la conoscenza di questi artisti e che altre persone apprezzino le loro opere.

Controllate anche

PEZZI ESSENZIALI E VOLUMI SENZA TEMPO – Aje, il marchio di moda dedicato alla forte femminilità e alla disinvoltura

Bilanciare la forza con la femminilità. Con una base di fan che include Madonna e …