Breaking News
CASA » MUSICA » QUANDO IL JAZZ DIVENTA L’ARIA CHE RESPIRI – Paolo Conte, il cantautore con due amori: il suo paese e Parigi

QUANDO IL JAZZ DIVENTA L’ARIA CHE RESPIRI – Paolo Conte, il cantautore con due amori: il suo paese e Parigi

Nel tempo fatto di attimi e settimane enigmistiche

Zona di colline, torrenti e vigneti, ha una città con skyline dal gusto medievale, movimentato da oltre 100 torri. L’enogastronomia locale ti offre l’opportunità di assaporare Spumante e Barbera. Benvenuto in Asti http://www.astiturismo.it/, nel cuore del Monferrato. Nella sua Piazza Campo del Palio, nel mese di settembre potrai ammirare un palio per cavalieri e fantini, con quasi 1200 personaggi in costume d’epoca. Torre Troyana, la più antica della città, è la meglio conservata del Piemonte. La cucina astigiana è profumata di tartufi, bagna cauda e agnolotti. I suoi risotti con la salsiccia, tartufi bianchi e dolci a base di nocciole sono tra le cose che dovrai assolutamente gustare. Il ristorante Cavallo Scosso https://www.ilcavalloscosso.it/ ti propone una cucina con materie prime piemontesi. Prima di partire, acquista qualcosa, optando tra baci di dama, Torta Palio o una selezione musicale di Paolo Conte, nato e cresciuto musicalmente in questa città.

La sua geografia linguistica ha creato testi che passano dall’inglese al dialetto piemontese, dal napoletano all’ispano-americano. Lui vorrebbe che le canzoni non si consumassero mai, perché per un compositore sono come il profumo di un mazzo di fiori. Nella sua lunghissima carriera, è stato autore di musiche anche per altri artisti. Tra i suoi indimenticabili album, Un gelato al limone, Appunti di viaggio e Parole d’amore scritte a macchina. Lui è laureato honoris causa in Lettere moderne, pittura e musicologia. Paolo Conte https://www.paoloconteofficial.com/, nato nel 1937 nella città piemontese di Asti, è un cantautore polistrumentista, pittore ed ex-avvocato, nonché professore ad honorem in Linguaggi musicali della contemporaneità presso l’Università degli Studi di Parma.

Nella sua vita, la propensione a dipingere è più vecchia rispetto a quella musicale. Infatti, da ragazzino disegnava trattori, poi donne e musicisti di jazz. L’uso del kazoo (un piccolo membranofono di origine africana in cui si canta), rende riconoscibili le sue esibizioni dal vivo. Suo padre era un notaio con passioni musicali per dischi di origine straniera, che generando nel figlio la passione per il jazz. Nel 1974, Paolo Conte https://it-it.facebook.com/paoloconteofficial/ smise di fare l’avvocato, per dedicarsi a quella artistica, cimentandosi in molteplici campi della creatività artistica. Imparò a suonare trombone e vibrafono, suonando in numerosi complessi cittadini orientati allo swing. Suggestionato dal cinema e dalla letteratura, inizia a scrivere canzoni, componendone musiche e arrangiamenti. Una sua canzone – Azzurro – diventò l’inno degli italiani.

Ascoltare le sue canzoni, è come avere un film di Federico Fellini nelle orecchie. Nelle sue piccole città musicali, lui osserva le cose con più attenzione, memorizzandone i personaggi, per trasformarli nei protagonisti dei suoi testi musicali. Il suo stile inedito e personale costruisce musiche e atmosfere inusuali, dove le storie cantate possono immergersi in mondi esotici o sobborghi di provincia. Con la canzone Sono qui con te sempre più solo, nasce anche il suo Uomo del Mocambo, proprietario di un bar immaginario dove Paolo Conte crea situazioni decadenti situazioni, a volte impersonate da curatori fallimentari. Quell’uomo con i baffi, nascondendovi il carattere schivo inizia i suoi concerti per un pubblico limitato, fino alle grandi kermesse musicali emiliane. https://notiziemusica.it/chi-e-paolo-conte/curiosita/?gclid=Cj0KCQjwm9D0BRCMARIsAIfvfIbUT2ifTBPkfQCuxruAMdr8Hygy9tQBFT6KM2JOarWfzqJc1psZkpAaAjgoEALw_wcB

MAX – Max era solo Max, più tranquillo che mai nella sua lucidità. Smettila, Max, la tua facilità non semplifica, Max. Max non lo spiega. Fammi scendere, Max. Vedo un segreto, ci viene incontro, Max. https://www.youtube.com/watch?v=aT-zm35XOss

Se ti piace approfondire la conoscenza dei musicisti che hanno contribuito ad arricchire il panorama musicale mondiale, puoi digitare: https://meetingbenches.net/category/musica/. Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo di apprezzarne le opere.

Controllate anche

PRIMA DI QUESTO MONDO – James Taylor, la quintessenza del trovatore la cui vita è stata oggetto delle sue canzoni

Parlando con l’emotività delle persone Nel Nord Carolina https://www.visitnc.com/ potrai vedere tante cose diverse, come …