Breaking News
CASA » VIAGGI D'AUTORE » VIAGGIA IN MESSICO, TI LASCIA SENZA PAROLE – Viaggiare da Guadalajara ad Acapulco, attraversando Rio Verde e Città Del Messico

VIAGGIA IN MESSICO, TI LASCIA SENZA PAROLE – Viaggiare da Guadalajara ad Acapulco, attraversando Rio Verde e Città Del Messico

L’avventura, in viaggio veramente messicano

Barriga llena, corazón contento (pancia piena, cuore felice). Ricordandoti di questo modo di dire messicano, potrai rendere più gioioso il ricordo della tua vacanza. La sua cucina è un mix di influenze preispaniche e spagnole, ma i piatti hanno i loro sapori e sono realizzati con tecniche locali. Uno dei suoi piatti principali è la birria (carne di capra o di agnello) cotta in salsa piccante condita con peperoncino, zenzero, cumino, pepe nero, origano e chiodi di garofano. Guadalajara è il centro culturale del Messico occidentale. Cerca l’Hombre del Fuego di Orozco all’Hospicio o lo scheletro dei Mammut al Museo Regionale. Se preferisci, camminerai per Plaza de Armas nel cuore del centro storico o in Galerías Guadalajara (uno dei più grandi centri commerciali del Messico). Questa città è stata la culla e la dimora di illustri poeti, scrittori, attori e pittori come il Dr.Atl.

Il suo pseudonimo Atl, deriva dalla parola “acqua” in Nahuatl, mentre la preposizione Dr si riferisce al suo dottorato in filosofia. Nato nel 1875 a Guadalajara (Jalisco), Gerardo Murillo Cornado visse sia l’ascesa della Rivoluzione che la rinascita del paese. Appassionato di vulcanologia, pittore e scrittore messicano, filosofo, saggista e giornalista, il Dr.Atl si è chiamato per il suo interesse a ottenere un’identificazione in linea con la sua personalità. Per ammirare alcuni dei suoi dipinti, puoi entrare al Museo d’Arte Moderna di Città del Messico http://www.saf.inba.gob.mx/.

Aún no tienes alas, y ya quieres volar (non hai ancora le ali e vuoi volare). Questo è proprio ciò che sperimenterai sulla tua pelle, osservando un lago circondato da magiche montagne. Il comune di Rioverde si trova nella Sierra Madre Orientale. La sua vegetazione comprende querce, pini e noci. Alcune aree sono vulcaniche. Un famoso sito turistico situato a 10 km, ben noto per il suo nome di Media Luna https://www.youtube.com/watch?v=-Nf7OZlIsAA, è un lago che deve il suo nome per avere la forma di una mezzaluna. Situato sul lato est delle montagne della Sierra Madre da Rioverde, Sotano de las Golindrinas è una delle più grandi caverne a cielo aperto del mondo. È la città natale del compositore Amador Ramos e della cantante Ana Bárbara.

Una delle figure femminili di spicco della musica messicana regionale, è nata a Rioverde (San Luis Potosi), in un giorno di gennaio 1971. È diventata una figura di spicco nell’ambito dell’intrattenimento latino dal suo debutto professionale nel 1994, mostrando un immenso potenziale musicale sin dalla tenera età. Ana Barbara https://www.instagram.com/anabarbaramusic/ ha raggiunto oltre 75 milioni di visualizzazioni YouTube dei suoi video musicali. È la destinataria di Latin Grammy’s, Lo Nuestro Awards, Juventud Awards e Oye Awards. Nel 2015, è stata nominata artista femminile messicana regionale dell’anno ai Lo Nuestro Awards di Univsion.

Al mal tiempo, buena cara (in caso di maltempo, bel viso). Un modo di dire, ma anche un modo di vestirsi, in questa terra. L’abbigliamento tradizionale messicano combina elementi nativi ed europei https://cielitolindomex.com/collections/embroidered-dresses. Le fibre preferite in tutto il paese sono cotone, corteccia e agave, oltre a lana e seta, ma le profonde radici culturali in Messico scoprono abiti tradizionali unici che non si trovano da nessun’altra parte. Nei tempi antichi alle donne azteche veniva insegnato a tessere a mano (principalmente cotone o fibra ayate), e la loro vestizione era spesso ampia e colorata. Le tuniche Huipil (adornate con nastri, pizzi e altri intricati disegni) sono capi tradizionali che risalgono alle donne indigene del Messico centrale. Un altro capo iconico è il poncho. Se cerchi una stilista messicano speciale, osserva la creatività di Ximena Valero.

È una stilista messicana vincitrice dell’International Award for Designer 2007 alla Fashion Week di Miami. Nata a Città del Messico in un giorno di maggio del 1977 (da madre insegnante di scuola e padre chirurgo plastico), i suoi genitori si trasferirono a Tijuana, dove all’età di 8 anni Ximena Valero https://www.facebook.com/valeroworld/ iniziò a studiare moda durante le vacanze estive. Il fashion design è diventato la sua passione, portandola a diventare una studentessa di fashion design. Attorno ai 20 anni, come direttore creativo, lei e un gruppo di amici hanno aperto uno studio fotografico di moda a San Diego, offrendovi servizi fotografici ad aspiranti modelle.

Camarón que se duerme, se lo lleva la corriente (gamberetto che si addormenta, la corrente lo prende). Una frase straordinaria, che in modo coinciso può esprimere l’animo di ogni vero avventuroso viaggiatore. Città del Messico è il posto migliore per mangiare tacos, un’opportunità unica per assaporare le delizie di questa umile cucina. Passeggiando per il Centro Historico, è possibile scoprire tutti i tacos deliziosi, come il taco de carnitas (con oltre la succulenta carne di maiale). Termina il tour, con la possibilità di bere tequila, nella cantina più storica della città, La Opera http://barlaopera.com/, uno scorcio dei tempi passati, un luogo che trasuda fascino. Attenzione, forse incontrerai Eunice Adorno, uno dei migliori fotoreporter messicani

Il suo lavoro è stato pubblicato su media nazionali e internazionali, ed è stato esposto in mostre collettive e individuali in Città del Messico, Rio de Janeiro, Los Angeles e New York. È una fotografa freelance e fa parte di Culturehall e Pymca. Eunice Adorno https://culturacolectiva.com/photography/the-photographer-who-raises-questions-on-mexican-life-and-identity ha conseguito un diploma in fotografia presso il Centro Morelense de las Artes di Cuernavaca.

Con sfondo le montagne della Sierra Madre del Sur, a metà del XX secolo questo resort sulla spiaggia era il ritrovo di Sinatra, Bardot ed Elizabeth Taylor. Fort San Diego, il principale monumento storico di Acapulco, è la sua fortezza eretta nel 1617 per respingere gli attacchi dei pirati. Uno dei grandi artisti messicani del 20° secolo lasciò il segno su Acapulco nel 1956. L’opera murale di Diego Rivera adorna le pareti esterne della casa di Dolores Olmedo. La nuova parte in rapido sviluppo della città è Punta Diamante, fuori dalla baia principale, sul banco di sabbia di fronte alla Laguna de Tres Palos. Uno dei migliori scrittori messicani, Juan Rulfo, è nato qui.

A causa dei temi della sua finzione narrativa, è visto come l’ultimo dei romanzieri della Rivoluzione messicana. Juan Rulfo è nato in un giorno di maggio del 1917 ad Apulco, diventando scrittore messicano considerato uno dei migliori romanzieri e creatori di racconti nell’America Latina del XX secolo. Dal 1933 al 1986 visse a Città del Messico, dove divenne direttore del National Institute for Indigenous Studies. Le sue opere fotografiche (oltre 6000 negativi delle sue fotografie) sono archiviate presso la Fondazione Juan Rulfo https://es-la.facebook.com/jrulfo/.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di apprezzarne le opere. Se vuoi conoscere i nostri viaggi d’autore già pubblicati, puoi digitare http://meetingbenches.com/category/author_travels/.

Controllate anche

UNA SOGLIA, TRA VITA SULLA TERRA E CIELO – Viaggio d’autore nella Repubblica Ceca.

Non soltanto un viaggio circa i luoghi, ma anche sui loro intrattenimenti culturali. “Hladit hada …